Le Nostre Vigne

Vigna del Garlenzo

La Vigna del Garlenzo, di proprietà dell’azienda già dal lontano 1919, come risulta dall’atto notarile in nostro possesso, si trova nel Comune di Montescano. Si estende per ha 1.21.79 con una forma di appezzamento a “scure” ad un’altitudine di 170 m.s.l.m. ed ha un’esposizione est sud-est.

ButtafuocoStorico Giugno2018 1253

Il terreno è di una composizione franco-argillosa povera, che favorisce una limitata quantità di produzione per ettaro, atta a produrre un vino di alta qualità.

La forma di allevamento è il Guyot, con un carico di 13/14 gemme per ceppo. Il sesto d’impianto è di m. 1,60 x 2,00 con una densità di 3500 ceppi per attaro, anche se data l’età del vigneto, la densità è minore in quanto si è verificato un diradamento naturale nel tempo.

I vitigni, impiantati tra il 1970 e il 1976, sono composti da Croatina, Barbera, Uva rara e Ughetta di Canneto impiantata nel 1999.

45%%

Croatina

30%%

Barbera

15%%

Uva Rara

10%%

Ughetta di Canneto

La Gestione del Vigneto

Il nostro modo di intendere la coltivazione del vigneto per la produzione di uve atte a produrre vini di qualità, passa attraverso il progetto di basso impatto ambientale.
VendemmiaPierluigiGiorgi Settembre2018 006 e1540399248915

La gestione dei vigneti prevede:

  1. L’inerbimento totale, per evitare erosione e dilavamento
  2. L’uso di prodotti fitofarmaci per la salvaguardia delle malattie fungine e fitoplasmosi, che rispettano la natura e rispondono alla legge misura 10.
  3. La concimazione di mantenimento viene effettuata con concime organico per mantenere un rapporto vegeto/produttivo equilibrato tale da rispettare gli standard qualitativi aziendali.
  4. La potatura di tipo Guyot, eseguita nel periodo invernale, prevede un carico di 12-15 gemme poste su due tralci di 1 anno: il capo a frutto (9-12 gemme) e lo sperone (3 gemme). Questo tipo di potatura insieme alla gestione della chioma, del suolo e la vocazione del territorio portano alla produzione di uve con caratteristiche compositive tali da permettere la produzione di grandi vini.
  5. Per quanto riguarda la gestione della chioma sotto questo aspetto possono rientrare diverse operazioni tra cui la palizzatura dei germogli, la cimatura, il diradamento e la defogliazione.

Dedizione e Cura

L’obiettivo di tutti i trattamenti ai quali sottoponiamo le nostre vigne è il controllo e il mantenimento di un apparato fogliare tale da permettere un’adeguata maturazione e un adeguato arieggiamento dei grappoli. Tutti aspetti fondamentali per il raggiungimento degli standard qualitativi aziendali.

La Vendemmia

La raccolta delle uve è effettuata esclusivamente a mano, questo per cercare di preservare il più possibile l’integrità e le caratteristiche organolettiche degli acini. Altro fattore che permette di raggiungere standard qualitativi elevati è la tempestività con cui le uve, una volta raccolte, sono portate in cantina per la pigiatura (i grappoli raccolti non rimangono in campo per più di 2 ore).

Il periodo di raccolta solitamente si concentra da fine agosto ad inizio settembre per le varietà più precoci (Pinot Nero, Riesling e Moscato) e da fine settembre ad inizio ottobre per le varietà a bacca rossa più tardive (Barbera, Uva Rara, Croatina e Vespolina).
Le ultime uve raccolte dall’Azienda sono, infine, quelle destinate alla produzione di Buttafuoco Storico.

VendemmiaPierluigiGiorgi Settembre2018 433 e1540399376398
VendemmiaPierluigiGiorgi Settembre2018 939 e1540399366120

Le Vinificazioni

Vini Bianchi

La produzione dei vini bianchi parte da una pressatura soffice delle uve che consente di ottenere il cosiddetto “mosto fiore“, ossia la prima parte di succo estratto dagli acini che presenta le caratteristiche organolettiche e compositive migliori. Successivamente il mosto fiore, previo parziale illimpidimento, è inviato in appositi serbatoi per la fermentazione alcolica che avviene nei successivi 10/12 giorni circa. Le temperature applicate a questo processo non superano i 18° – 20°C in modo tale da avere una fermentazione lenta atta a preservare gli aromi varietali del prodotto.
Terminata la fermentazione si passa all’affinamento su fecce, tramite la tecnica del batonnage, in modo da rendere il vino più complesso e pieno all’assaggio. Infine prima dell’imbottigliamento il vino subisce processi di stabilizzazione e illimpidimento.

Vini Rossi

Per la produzione dei vini rossi si parte dalla pigiatura e diraspatura delle uve e il pigiato viene poi inviato ai serbatoi di fermentazione. Per questa tipologia di vini parliamo di fermentazione con macerazione delle bucce, per cercare di estrarre il maggiore quantitativo di antociani che andranno ad arricchire la colorazione del vino. Terminata la fase di fermentazione / macerazione si passa alla svinatura: la separazione del “vino fiore” dalla “vinaccia” (bucce e vinaccioli). La fase successiva riguarda l’affinamento del vino sulle fecce.

A questo punto occorre fare una distinzione tra i vini frizzanti di pronta beva come Bonarda, Croatina e Barbera e i vini da invecchiamento come Pinot Nero “Rima”, Buttafuoco e Buttafuoco Storico in quanto i successivi passaggi presentano delle differenze.

Terminato l’affinamento si passa a processi di stabilizzazione e illimpidamento. Prima dell’imbottigliamento viene applicata la rifermentazione in autoclave che permette di ottenere la produzione di bollicine che caratterizzano queste tipologie di vino.

Prima del passaggio in barriques / tonneau di legno, viene applicata la fermentazione malolattica ovvero la trasformazione di acido malico in acido lattico, questo passaggio è fondamentale in quanto si ottiene una leggera riduzione di acidità. Si ottiene così un gusto più rotondo e una maggiore complessità aromatica nonchè una naturale stabilizzazione microbiologica.

VendemmiaPierluigiGiorgi Settembre2018 932 e1540399264109
VendemmiaPierluigiGiorgi Settembre2018 834 e1540399256231

Come ultimo passaggio il vino viene posto in botti di legno da 225 l (barriques) e da 500 l (tonneau) dove per circa 1 – 2 anni avverrà l’affinamento.

Al termine di questo processo, se si riterrà necessario, il vino subirà processi di stabilizzazione e illimpidimento prima dell’imbottigliamento finale.

Nota importante che l’Azienda vuole mettere in evidenza è il basso tenore di anidride solforosa che presentano i vini in bottiglia.